FINCHE’ VACANZA NON CI SEPARI …..

separazione

Le coppie entrano in crisi …..

E si,è quasi un dato di fatto, prima o poi, chi prima chi dopo, la coppia vive un momento, breve, lungo o infinito di crisi.

A volte è sentita, a volte è percettibile, altre volte, invece, arriva all’improvviso, e ti travolge come un fiume in piena che straripa, e solo mettere gli argini, potrebbe, forse, essere l’unica soluzione.

Ma, mentre con un fiume in piena che straripa, costruire degli argini risulta essere l’unica soluzione, in una coppia in crisi, quali sarebbero gli argini da costruire per cercare, provare, tentare di salvare quel che resta ?

Bè, io, personalmente, farei una netta distinzione tra gli argini costruiti da una donna e gli argini costruiti da un’uomo.

E si, perchè ognuno ha il suo metodo che, non varia com’è solito fare da persona a persona, ma bensì dal genere femminile al genere maschile.

Ognuno di noi, ogni coppia, ha la sua crisi, svariati sono i motivi che portano allo straripamento di quel fiume, anche se, io, e sottolineo io, credo che, il reale motivo che porta alla crisi è la mancanza, la quasi assenza di sentimento, il resto, le trovo tutte (sempre io), squallide giustificazioni date solo per non ammettere il reale motivo che ha portato alla crisi.

Personalmente non ho mai visto, e nè tanto meno conosciuto una coppia che si ama ed è in crisi.

Quindi, bando alle ciance del tipo, è lo stress, è il lavoro, sono gli ormoni in subbuglio per la gravidanza, è il settimo anno di matrimonio, o il prima o poi capita a tutti, chi si ama, si ama, chi è in crisi è perchè i primi ad esserlo sono proprio i sentimenti.

Ma come si dice, tentar non nuoce, e allora, chi per vergogna, chi per paura, chi per dovere si accorge della crisi, cerca sempre un modo una tattica per salvarlo, come si dice, un modo per mettere la pezza, ignorando che è solo una semplice e momentanea pezza.

E’ un pò come quando si usa dello stucco per coprire un buco, lo riempi, ma in profondità quel buco rimane sempre.

Analizziamo la donna che cerca di costruire i propri argini ……

Il sesso, si, il sesso è una, anzi, forse l’unico argine che si riesce a costruire, se poi abbiniamo a questo anche una buona cucina, bè, il gioco è fatto, per un pò …….

Ma dato che l’arte culinaria non è dote di tutte le donne, concentriamoci sull’ “argine” del sesso.

Si diventa come macchine del sesso, dapprima scocciate, quasi obbligate a farlo, a quasi possedute dallo spirito di Moana …..

Sexy, seducenti, invitanti, almeno si cerca di esserlo, anche se a volte si rischia di cadere tristemente nel ridicolo, usando il proprio corpo come fosse una, o forse, l’unica ancora di salvezza.

Funziona ?

Si, forse, quasi sempre, ma è come un contratto a tempo determinato che difficilmente viene rinnovato, e dopo tre, quattro, sei mesi scade; è come se, dopo del tempo, quello stucco messo iniziasse a sgretolarsi, e quel buco tornasse in superficie.

Analizziamo ora, gli argini costruiti dall’uomo …..

Iniziamo con il dire che i fiorai inizieranno ad arricchirsi …..

E si, perchè l’uomo a differenza della donna non gioca la carta del sesso, non diventa il Rocco Siffredi della situazione, ma bensì il Montecchi .

Lettere e post-it d’amore sono all’ordine del giorno, si, perchè non c’è miglior argine da costruire che quello dell’estremo, a volte esagerato, quasi stucchevole romanticismo.

Cucina, comodini, specchi vengono tempestati da quei fogliettini gialli …..

Ti amo, sei la mia vita, io e te eternamente insieme, io e te semplicemente noi, sono solo alcune delle frasi scritte in lettere e bigliettini.

Diventano talmente dolci e poeti che, la Perugina offrirebbe loro un contratto per il prossimo San Valentino, diventano così esageratamente smielati che solo una dose d’insulina gli eviterebbe un coma glicemico .

Spumante e brindisi per festeggiare l’amore che li unisce fino …….. bè, fino a quando quel tappo stappato non rompe quegli argini costruiti.

Anche il romanticismo come il sesso, è come un contratto a tempo determinato, è come cercare di salvarsi in calcio d’angolo, dove ogni volta che tiri la palla corri sempre l’alto rischio di rimandarla fuori campo proprio nel momento in cui l’arbitro fischia la fine del gioco.

Ma c’è un’argine, un’argine che cercano di costruire sia l’uomo che la donna, l’argine della vacanza …….

E si, cosa, se non una bella vacanza, un romantico weekend riescono a salvare una coppia in crisi ?

Funziona ?

Si, la vacanza funziona, nella vacanza si costruiscono tutti gli altri argini, nella vacanza si trovano automaticamente anche gli argini del romanticismo e del sesso.

Ma poi, terminata la vacanza ?

Bè, sempre secondo me, secondo il mio personale punto di vista, vedo l’argine della vacanza come un’arma a doppio taglio, illusoria ed ingannevole .

Si, perchè dopo si torna a casa, e dopo un paio di giorni in cui si continua con tenere scaramucce, coccole e baci, ecco che quell’argine si sgretola e guardandosi intorno ci si accorge di non essere più in vacanza …..

Si, le coppie entrano in crisi, ma quante realmente cercano di costruire quegli argini per amore uno dell’altro e, quanti invece creano i propri argini solo per diritti, doveri, obblighi e paure ?

Bè, io sicuramente non ho in mano la risposta, e forse in realtà nessuno l’ha; io, ho tra le mie mani la sicurezza del mio pensiero, del mio punto di vista, io ho tra le mie mani la certezza che più che andare i vacanza, dovremmo sentirci tutti i giorni in vacanza, che la nostra casa, il luogo in cui abitiamo, dovrebbe essere quel meraviglioso albergo .

Ma, sono ancora più certa che, un fiume straripato, per quanti argini abbiamo cercato di costruire, risulterà sempre come un vaso rotto, bello all’apparenza, ma sempre e comunque tempestato di crepe, risulterà sempre delicato, fragile, così delicato che anche un semplice tocco rischierebbe di romperlo nuovamente.

E allora, è inutile costruire quegli argini ?

Bè, dipende …….

Quel che per me è certo, è che a volte bisognerebbe avere il coraggio di capire, di ammettere che nessun argine potrà mai salvare l’insalvabile, e che è solo arrivato il momento di esplorare nuovi fiumi ……

Bè, solitamente si dice tristemente che, chi si accontenta gode, anche se preferisco dire che chi s’illude gode ……

Io ?

Bè, io non mi accontento di una semplice vacanza ……. 😉

Kiss Kiss

Fashioniamoci fashioniamoci ridimensionata

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...